Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dello Shanghai Chest Hospital e dell’Università Jiao Tong di Shanghai ha rivelato che il fruttosio può essere un alleato prezioso del sistema immunitario nel contrastare i tumori. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Cell Metabolism e commentati in un editoriale riportato su Nature Immunology.

 

“Che il fruttosio sia associato alla crescita di alcuni tumori, come quelli intestinali, e delle metastasi lo sapevamo da tempo”, commenta Paolo Ascierto, presidente della Fondazione Melanoma e oncologo al Pascale di Napoli. “Quello che fino a oggi risultava ancora poco chiaro è il suo impatto sulla risposta immunitaria anti-tumorale. Il nuovo studio colma in parte questa lacuna e mostra che una dieta ricca di fruttosio è in grado di rafforzare la risposta immunitaria contro il cancro, controllandone la crescita. Il fruttosio alimentare dunque promuove l’immunità antitumorale delle cellule”.

 

Nello studio, i ricercatori hanno nutrito un gruppo di topolini con melanoma con una dieta ricca di fruttosio e un altro con una dieta normale. Già dopo due settimane, i topi alimentati con una dieta ad alto contenuto di fruttosio hanno registrato una significativa riduzione della crescita tumorale e della letalità indotta dal tumore, rispetto al gruppo di controllo. Anche uno studio precedente condotto su topi con carcinoma polmonare ha dimostrato che alimentare gli animali con una dieta ad alto contenuto di fruttosio riduce le dimensioni del tumore e aumenta la sopravvivenza.

 

“Nel nuovo studio i ricercatori cinesi hanno osservato che il fruttosio alimentare aumenta la risposta immunitaria dei linfociti T CD8+, che hanno la funzione di identificare e uccidere le cellule tumorali, controllando così la progressione della malattia “, prosegue Ascierto. In particolare, il consumo di fruttosio ha innescato la produzione di leptina, l’ormone prodotto dal tessuto adiposo che segnala al cervello la sensazione di sazietà, sia nel sangue che nel tessuto tumorale. L’aumento della leptina è associato all’incremento dell’attività dei linfociti T antitumorali, potenziandone così la risposta immunitaria contro il cancro”.

 

I ricercatori hanno anche rilevato che i livelli più elevati di leptina nel plasma sono correlati con l’aumentata attività delle cellule T antitumorali nei pazienti con cancro ai polmoni. Attenzione, però, avverte Ascierto: “Lo studio non indica che fare incetta di zuccheri aiuti automaticamente a contrastare il tumore. Piuttosto, i risultati suggeriscono che, come per la carne che contiene Tva, un ingrediente chiave in grado di potenziare l’immunoterapia, anche per lo zucchero, in particolare per il fruttosio, potrebbe non essere tutto bianco o nero. Sono dunque necessari ulteriori studi che ci aiutino a comprendere se e come possiamo sfruttare il fruttosio per rafforzare l’azione del nostro sistema immunitario contro il cancro”.

Fonte: nutrienti e supplementi