Appena trascorso il Ferragosto, l’assillo comune é “recuperare” gli eccessi. Ieri migliaia di italiani hanno festeggiato il “Capodanno dell’estate” e oggi si trovano a fare i conti con i postumi della festa, durante la quale hanno esagerato con le porzioni o con le bevande, appesantiti da un pasto fuori dal comune, che ha previsto sicuramente piatti gustosi e cibi calorici. Ecco qualche consiglio utile.
La soluzione a cui si ricorre piú di frequente è il “digiuno del giorno dopo”: nulla di più sbagliato e controproducente! La prima difficoltá che incontrerete sará sopportare la fame: il giorno dopo le abbuffate, l’organismo tende a richiedere ancora grandi quantità di cibo, perciò difficilmente riusciremo a non mangiare affatto! Inoltre, quando il corpo passa da una certa quantità di cibo e calorie ingerite al nulla più totale, l’effetto sarà un immediato senso di stanchezza. Il digiuno é quindi pessimo se lo scopo é recuperare le forze! Pessima come soluzione anche se lo scopo é rimettersi e rimanere in forma: il giorno dopo il digiuno, l’organismo rielaborerá il pasto con maggiore predisposizione a creare depositi di grasso.
Quale quindi il giusto atteggiamento nel post-abbuffata? Non stupitevi nel leggerlo! Basterebbe semplicemente far finta di nulla e riprendere le sane abitudini alimentari e il sano stile di vita di sempre, coscienti che uno sporadico “fuori pista” non puó intaccare gli effetti positivi di una buona e costante abitudine. Eccedere con le calorie per un periodo limitato di tempo non è così catastrofico: i grassi accumulati durante il pranzo di Ferragosto possono essere facilmente smaltiti semplicemente ritornando alle sane abitudini: una dieta bilanciata e completa, ricca di cibi leggeri e verdura.
Qualche piccolo trucchetto, poi, puó aiutare a perfezionare! Consumate, prima di pranzo e cena, un abbondante piatto di verdure miste, condite con aceto o limone e un piccolo cucchiaino di olio: avrá un enorme effetto saziante ed appagante, con un bassissimo apporto calorico. A primo e secondo, preferite i legumi: ricchi anche questi di fibre, aiutano l’organismo a depurarsi; sono un piatto unico perfetto, ricco di carboidrati, proteine, vitamine e minerali; inoltre sono perfetti per ristabilizzare i livelli glicemici dopo gli eccessi alimentari. Tra i frutti, i migliori sono ananas e kiwi, dall’effetto diuretico e lassativo. Ricordate che, per ridurre l’effetto “pancia gonfia” del post-abbuffata, sarebbe conveniente non associare la frutta al pasto principale, ma consumarla come spuntino di metá mattina e metá pomeriggio.
Non dimenticate l’acqua: importante per espellere le tossine. In ultimo, per recuperare le energie e cancellare il senso di pesantezza, organizzatevi per percorrere qualche passeggiata in piú: una camminata a passo svelto o una passeggiata in bicicletta sono perfette per riattivarsi e sentirsi di nuovo in forma.

Open chat