“Mangio senza glutine, ma non sono celiaco!” Sono 6 milioni gli italiani che, così ragionando, sprecando ogni anno 105 milioni di euro per l’acquisto di cibi gluten free a loro non necessari. Ma la dieta senza glutine fa davvero bene a tutti? Al celiaco, che dal glutine riceve seri danni, certamente si; al non celiaco, di contro, può addirittura crear danno! Partiamo dall’inizio! Il glutine non è una molecola “aggiunta”, ma una componente proteica dei cereali, presente da sempre in frumento, farro, spelta, triticale, orzo e segale (discutibile la selezione dei cereali che ha portato le grandi coltivazioni a privilegiare le varietà più ricche di glutine a discapito di quelle che ne sono più povere come le nostre farine autoctone tipo il grano cappell, la saragolla o il korasan). La funzione di questa componente “collosa” è permettere agli impasti di farina di amalgamarsi. Quanto possa far male e quanto bene la sua assunzione è argomento discusso da tempo, ma gli studi scientifici stanno ampiamente dimostrando che, in chi non è celiaco, l’esclusione del glutine è inutile: secondo uno studio della Columbia University, pubblicato dal British Medical Journal, la dieta senza glutine non dà nessun beneficio se a seguirla è una persona che non soffre di celiachia. Il gluten free non è neppure light: uno studio australiano, che ha analizzato più di 3.200 alimenti senza glutine, ha concluso che i valori nutrizionali e l’apporto calorico sono in media gli stessi del cibo tradizionale: zucchero, sale e grassi, di cui sono spesso ricchi gli alimenti industriali, abbondano anche negli alimenti senza glutine, che, paradossalmente, ne sono anche più ricchi! Proprio così! Perché, per raggiungere una giusta consistenza di un prodotto convenzionale, i prodotti gluten free fanno ricorso ad additivi, a grassi, a volte a zucchero. Alto, dunque anche l’indice glicemico dei prodotti senza glutine, caratteristica favorente diabete ed obesità. Attenti alle mode, dunque, specie se servono solo ad aumentare il fatturato delle industrie e non ad apportare benefici alla salute!

Open chat