Usare piatti e posate di colore azzurro/blu può essere un plus per gestire la propria dieta. Come mai? Poichè difficilmente si mangia un alimento di colore azzurro o blu, è abbastanza difficile che questo colore risulti attraente. Lo studio suggerisce quindi di accompagnare le pietanze con il colore azzurro che può essere d’aiuto insieme ad altre abitudini che sono fondamentali.

I nutrizionisti nel corso degli anni hanno consigliato di mangiare in piatti piccoli in modo che queste porzioni ridotte aiutino a perdere peso. Altri input importanti nelle abitudini quotidiane dipendono anche dal gusto, dall’odore e dal colore degli alimenti. Ogni giorno prendiamo 250 decisioni relazionate all’alimentazione e tutte dipendono dagli stimoli sensoriali che riceviamo. In queste decisioni entrano anche fattori culturali, familiari e anche quello che che si mangia incide in questo processo.

“La musica, in combinazione con i colori, è una grande terapia per invecchiare meglio. Fare ginnastica guardando dei colori o meditare in mezzo alla natura, produce effetti tali sulle persone e le porta a vivere meglio e con maggiore qualità, senza stress e ansia”, ha spiegato Mühlberger. Concepito allo scopo di mangiare meno e con una grande varietà, questo studio dei ricercatori della Cornell University è un ‘alleato’ ideale per pianificare un’alimentazione più completa e equilibrata.

Open chat